martedì 25 gennaio 2011

Si prega di allacciare le cinture.



Obbligatorie alla guida quelle di sicurezza, che ci salvano la vita.
Se invece la vita volete sottolinearla e ve lo potete permettere, la prossima stagione sarà il trionfo del vitino da vespa.

Sull’onda lunga delle influenze che la moda porta avanti per alcune stagioni, si conferma la nostalgia per gli happy days, per quel decennio spensierato e giocoso che furono gli anni ’50. Le donne, costrette ai sacrifici e al rigore dalla guerra appena trascorsa, sfoderarono tutte le armi di seduzione possibili e immaginabili.
Truccate come bambole, acconciate da ore di bigodi voluminosi e strizzate fino a togliere il fiato da cinture che facevano di loro delle vere clessidre ambulanti.

Va da sé che se vi sentite pronte ad affrontare la tortura e non avete paura di essere catalogate come le solite fashion victims, il gioco fa per voi.
Ricordate però che la vita sottile è un dono di natura e a nulla serve sottoporsi a diete estreme per ottenerla. Finalmente tornano alla ribalta le forme, le curve dolci e sinuose, la femminilità prorompente.  

La cintura da semplice accessorio è comunque destinata a diventare una delle protagoniste di stagione.
Alta e fasciante, di pelle o di tessuto, bassa e più discreta con fibbie bon ton, indubbiamente riesce a impreziosire e a personalizzare qualunque capo base.
L’idea più originale che ho visto sulle passerelle è quella di utilizzare lunghe collane colorate e  bizzarre come cinture improvvisate, ma d’effetto.

Anche un foulard o una lunga sciarpa di seta possono essere utilizzate allo scopo, basterà legarle con un nodo molto grande.

La mia preferita è quella presentata da Comme des garçons: fascia nera avvitata, molto semplice con fibbia rettangolare in acciaio. Minimal di carattere.

Cinture maschili e sobrie da abbinare ai jeans che ormai definitivamente a vita bassa non consentono lo strizzamento. Un respiro di sollievo.

Per la sera, se non avete in programma cene insostenibili, vi potrete infilare in una cintura corsetto, grande amica del balconcino del piano di sopra.
L’affanno e il fiato corto vi daranno l’allure di una damina del settecento, ma arrossite qualche volta! O abbondate con il blush.










































1 commento:

  1. Concordo con quella a "fascia nera avvitata e fibbia rettangolare in acciaio".
    Voto per l'articolo: 10 e lode.
    bacio,
    Simo

    RispondiElimina